Playlist di Windows Media Player: domande frequenti


Di seguito vengono fornite le risposte ad alcune domande frequenti sulle playlist in Windows Media Player.

Mostra tutto

Che cos'è una playlist e perché potrebbe essere utile utilizzarne una?

In Windows Media Player, una playlist è un tipo di elenco contenente uno o più file multimediali digitali. Le playlist possono contenere qualsiasi combinazione di brani musicali, video o immagini e consentono di raggruppare facilmente elementi che si ascoltano o si visualizzano di frequente. Se, ad esempio, si apprezza l'ascolto di determinati brani musicali durante il relax serale, è possibile creare una playlist contenente solo tali brani. È inoltre possibile utilizzare le playlist per raggruppare gli elementi che si desidera masterizzare su un CD o sincronizzare con un dispositivo mobile. Ad esempio, è possibile creare una playlist dei brani natalizi preferiti e masterizzare tale playlist su un CD audio per una festa.

Per impostazione predefinita, gli elementi di una playlist vengono riprodotti nell'ordine in cui vengono visualizzati nell'elenco. È possibile modificare l'ordine degli elementi trascinandoli all'interno dell'elenco oppure riprodurre in modo casuale e ripetere gli elementi di un elenco. Per ulteriori informazioni sulla riproduzione casuale e la ripetizione degli elementi, vedere Riprodurre in modo casuale e ripetere gli elementi in Windows Media Player.

Qual è la differenza tra una playlist normale e una playlist automatica?

I contenuti di una playlist normale non viene modificato, a meno che non si aggiungano o si rimuovano manualmente elementi della playlist. Quando si aggiungono, rimuovono o modificano elementi del Catalogo multimediale, i contenuti di una playlist automatica vengono modificati automaticamente in base ai criteri specificati. Ad esempio, è possibile creare una playlist automatica di tutti i brani musicali del proprio cantante preferito nel Catalogo multimediale con una classificazione uguale o superiore a quattro stelle. I contenuti della playlist automatica verrà modificato automaticamente in caso di modifica della classificazione di un brano di tale cantante o in caso di aggiunta o rimozione di un brano del cantante.

Per ulteriori informazioni sulle playlist normali, vedere Creare o modificare una playlist normale in Windows Media Player. Per ulteriori informazioni sulle playlist automatiche, vedere Creare o modificare una playlist automatica in Windows Media Player.

Dove vengono archiviati i file delle playlist sul computer?

Per impostazione predefinita, le playlist vengono salvate nella cartella Playlist, contenuta nella stessa cartella in cui viene eseguita la copia da CD (in genere, la cartella Musica).

È possibile salvare una playlist in un altro formato?

Sì. Per impostazione predefinita, le playlist vengono salvate in Windows Media Player con estensione .wpl. Tuttavia, è possibile salvarle utilizzando anche l'estensione .m3u o .asx. Per ulteriori informazioni sul salvataggio di una playlist con estensione diversa, vedere Creare o modificare una playlist normale in Windows Media Player.

Perché alcuni elementi della playlist vengono visualizzati in grigio?

Gli elementi di una playlist possono essere visualizzati in grigio ignorandoli durante la riproduzione. Per ulteriori informazioni sulla visualizzazione in grigio degli elementi ignorati, vedere Creare o modificare una playlist normale in Windows Media Player.

Perché non è possibile espandere una playlist?

Se la playlist si trova su un server Web, non è possibile espanderla per visualizzare i singoli elementi che ne fanno parte. È tuttavia possibile scorrere gli elementi presenti nella playlist facendo clic sui pulsanti Successivo e Precedente.



Ti serve altro aiuto?